Rappresentante dei lavoratori
per la sicurezza (rls)

 

A chi è rivolto

Il corso è rivolto ai dipendenti di azienda di ogni settore ATECO. In particolare l’art. 47, comma 2 del D.Lgs. 81/2008 stabilisce che in tutte le aziende, o unità produttive, debba essere eletto o designato il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS), sancendo in questo modo l'importanza di tale figura nel sistema di prevenzione della sicurezza aziendale.

Il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS), come definito nell’articolo 2, comma 1, lettera i), del D.Lgs. 81/2008, è una “persona eletta o designata per rappresentare i lavoratori per quanto concerne gli aspetti della salute e della sicurezza durante il lavoro“.

Il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS) ha diritto ad una formazione specifica in materia di salute e sicurezza, indicata nell’art. 37 del D. Lgs. 81/08, di 32 ore.

A seconda del numero di dipendenti presenti in azienda il D.Lgs 81/2008 prevede diverse modalità di nomina/elezione del RLS.

Obiettivi del corso

L’obiettivo del corso è fornire gli elementi formativi per raggiungere adeguate conoscenze circa i rischi lavorativi esistenti negli ambiti di lavoro e adeguate competenze sulle principali tecniche di controllo e prevenzione dei rischi stessi, nonché degli infortuni specifici per tutti i macrosettori ATECO.

Programma

Il corso di formazione per lo svolgimento del ruolo di Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS) è obbligatorio in base all’art. 37 del D.Lgs. 81/08; chi decide di ricoprire il ruolo di RLS deve ricevere una formazione adeguata della durata minima di 32 ore iniziali (12 delle quali riguardanti rischi specifici presenti in azienda e corrispondenti misure di prevenzione e protezione adottate).

Il programma del corso, diviso in n. 8 moduli o giornate, analizzerà il quadro normativo in materia di sicurezza dei lavoratori e le responsabilità civili e penali; gli organi di vigilanza e di controllo nei rapporti con le aziende; la tutela assicurativa, le statistiche ed il registro degli infortuni; i rapporti con i Rappresentanti dei lavoratori. Appalti, lavoro autonomo e sicurezza. La valutazione dei rischi. I principali tipi di rischio e le relative misure tecniche, organizzative e procedurali di sicurezza. I dispositivi di protezione individuale. La prevenzione incendi ed i piani di emergenza. La prevenzione sanitaria. L'informazione e la formazione dei lavoratori. Nello specifico, verrà cossi ripartito:

1.Legislazione generale e speciale in materia di salute e sicurezza sul lavoro (principi giuridici comunitari e nazionali)

2.Definizione e individuazione del fattore di Rischio e Valutazione dei Rischi

3.Individuazione delle figure coinvolte nella gestione della sicurezza e dei relativi obblighi

4.Identificazione delle misure tecniche, organizzative e procedurali di prevenzione e protezione

5.Aspetti normativi dell’attività di rappresentanza dei lavoratori

6.Igiene nei luoghi di lavoro

7.Nozioni su medico competente e sorveglianza sanitaria

8.Tecnica della comunicazione

1° modulo (4 ore)

Legislazione generale e speciale in materia di salute e sicurezza sul lavoro (principi giuridici comunitari e nazionali):

- La gerarchia delle fonti giuridiche

- Le Direttive Europee

- La Costituzione, Codice Civile e Codice Penale

- L'evoluzione della normativa sulla sicurezza e igiene del lavoro e il D.Lgs. 81/08

- Statuto dei Lavoratori e normativa sulla assicurazione obbligatoria contro gli infortuni e malattie professionali

- La legislazione relativa a particolari categorie di lavoro: lavoro minorile, lavoratrici madri, lavoro notturno, lavori atipici, etc.

- Le norme tecniche UNI, CEI e loro validità

- Il sistema delle prescrizioni e delle sanzioni

2° modulo (4 ore)

Valutazione dei rischi e definizione dei fattori di rischio:

- Concetti di pericolo, rischio, danno, prevenzione

- Analisi degli infortuni: cause, modalità di accadimento, indicatori, analisi statistica e andamento nel tempo, registro infortuni

- Informazione sui criteri, metodi e strumenti per la valutazione dei rischi (Linee guida regionali, modelli basati su check list, ecc.)

La valutazione dei rischi e l’individuazione delle misure tecniche, organizzative e procedurali di prevenzione e protezione:

- Contenuti e specificità del documento di valutazione dei rischi: metodologia della valutazione e criteri utilizzati

- Individuazione e quantificazione dei rischi, misure di prevenzione adottate o da adottare

- Priorità e tempistica degli interventi di miglioramento

- Definizione di un sistema per il controllo della efficienza e della efficacia nel tempo delle misure attuate

- Il documento di valutazione dei rischi interferenti negli appalti (DUVRI)

3° modulo (4 ore)

Individuazione delle principali figure coinvolte nella gestione della sicurezza e dei relativi obblighi:

- Il Datore di lavoro, i Dirigenti

- I Preposti

- Il Responsabile del Servizio Prevenzione e Protezione (RSPP), gli Addetti del SPP

- Il Medico Competente (MC)

- Il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS), il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza Territoriale (RLST) e il Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza di sito produttivo. Aspetti normativi dell’attività di rappresentanza dei lavoratori

- gli Addetti alla prevenzione incendi, evacuazione dei lavoratori e pronto soccorso

- I Lavoratori

- I Progettisti

- I Fabbricanti, i Fornitori

- Gli Installatori

- I Lavoratori autonomi

La gestione degli appalti

II sistema pubblico della prevenzione:

- Vigilanza e controllo

- Informazione, assistenza e consulenza

- Organismi paritetici e Accordi di categoria

5° modulo (4 ore)

Il rischio rumore

Il rischio vibrazioni

Il rischio da radiazioni ionizzanti, non ionizzanti e ottiche

Il rischio da campi elettromagnetici

I Dispositivi di Protezione Individuale (DPI): criteri di scelta e utilizzo

6° modulo (4 ore)

Il quadro legislativo antincendio e il Certificato di Prevenzione Incendi

La gestione delle emergenze

Il rischio incendio ed esplosione

Regolamento recante disposizioni sul pronto soccorso aziendale

7° modulo (4 ore)

Il rischio da ambienti di lavoro; Il microclima; L'illuminazione

Il rischio videoterminali

Il rischio movimentazione manuale dei carichi

La classificazione degli agenti chimici; I rischi derivanti da esposizione ad agenti chimici, cancerogeni e mutageni; La protezione da agenti biologici

8° modulo (4 ore)

Il rischio elettrico

Il rischio meccanico, Macchine, Attrezzature

Il rischio movimentazione merci (apparecchi di sollevamento, mezzi di trasporto)

Le verifiche periodiche obbligatorie di apparecchi e impianti

Il rischio cadute dall'alto

8° modulo (4 ore)

Tecnica della comunicazione:

- I processi di comunicazione organizzativa

- Gli strumenti per la trasmissione delle informazioni

- La tipologia delle informazioni sulla sicurezza

Gli aspetti psicologici della sicurezza lavorativa; La dinamica psicologica dell’infortunio; I fattori critici per prevenire gli infortuni; La responsabilizzazione delle persone

Durata

Il corso ha la durata complessiva di 32 ore (20 ore parte generale + 12 ore parte specifica connesse al tipo di rischio presente in azienda).

Aggiornamento:

Il D.Lgs. 81/08 (art. 37, comma 11) ha introdotto l’obbligo di aggiornamento annuale dei Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS) di durata pari a 4 ore annue per le imprese che occupano dai 15 ai 50 lavoratori e di 8 ore annue per le imprese che occupano più di 50 lavoratori.

Prezzo

Il prezzo, comprensivo del materiale didattico, è di € 500,00*

*alla quota d'iscrizione non verrà applicata l'IVA poiché la prestazione è esente IVA

Il prezzo dell’aggiornamento verrà concordato sulla base delle esigenze dell’aziende richiedente.

Attestato

Al termine del corso verrà rilasciato ad ogni partecipante uno specifico attestato di frequenza personalizzato.